Un po’ di storia

Il Festival Internazionale di Musica “Echos. I Luoghi e la Musica” è nato nel 1999 ed è
giunto perciò alla sua diciannovesima edizione; ha ottenuto Premi e riconoscimenti dai
Presidenti della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi (nel 2004 e 2006) e Giorgio Napolitano
(nel 2007, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013 e 2014) nonché il Patrocinio della Commissione
Nazionale Italiana per l’UNESCO ininterrottamente dal 2003.
Echos si propone di valorizzare il ricco patrimonio storico, artistico, culturale e
paesaggistico della provincia di Alessandria ambientando concerti di altissima qualità in
chiese, palazzi, pievi, abbazie, oratori, monasteri, musei, castelli e teatri storici; ben 62 i Luoghi d’Arte toccati sino ad oggi, distribuiti capillarmente su 32 Comuni del territorio.Realmente internazionale il taglio della manifestazione sul versante degli artisti: nelle
precedenti edizioni Echos ha presentato musicisti di fama mondiale e giovani di grande
talento provenienti da 28 nazioni e da 4 continenti. Tra i tanti interpreti che in questi anni sono stati protagonisti dei nostri concerti desideriamo ricordare almeno il Quintetto d’archi dei Berliner Philharmoniker,Alexander Lonquich, il Quartetto de I Solisti di Mosca, Ilya Grubert, il
Quintetto Bibiena, l’Orchestra Filarmonica di Torino, Daniel Rivera, Mario Ancillotti, il
Quartetto Rachmaninov, Pierre Hommage, il Brahms Trio e Valery Oistrakh.

Tra i giovani di sicuro talento che si sono esibiti per Echos ci sono il violoncellista russo Sergej Antonov (medaglia d’oro al Concorso Cajkovskij di Mosca), il soprano Maria
Agresta (una delle voci emergenti del panorama internazionale grazie al debutto al
Teatro alla Scala di Milano con Daniel Barenboim e al Teatro dell’Opera di Roma con
Riccardo Muti), Antal Szalai (vincitore del Concorso Internazionale “Lipizer”) e Roberto
Plano (vincitore del Concorso di Cleveland).
La continua crescita di questo evento musicale, ormai da considerarsi tra le
manifestazioni musicali più rilevanti a livello regionale, è confermata dallo straordinario
successo di pubblico (un pubblico ormai affezionato che si sposta ogni settimana
seguendo l’itinerario del festival), dal rapporto consolidato con molte realtà attive del
territorio e dall’ampio risalto che la manifestazione ottiene sui mezzi di informazione.
Nel 2008, in occasione del decennale della manifestazione, il Presidente della
Repubblica Giorgio Napolitano ha inviato agli organizzatori un telegramma nel quale,
tra l’altro, si legge: “Il Festival Internazionale di Musica Echos, che festeggia con questa
edizione il decennale, si conferma un appuntamento di particolare interesse fra gli
eventi musicali in programma per la prossima primavera.
La mostra commemorativa per i dieci anni di attività culturale dell’Associazione si
affianca ad una stagione concertistica di pregio e sottolinea l’impegno per la più ampia
diffusione della cultura musicale in Italia”.

Sergio Marchegiani
Direttore artistico Festival Echos